Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.
×

Attenzione

Errore nel caricamento del componente: com_zoocart, Componente non trovato

Cenni storici

Sulle origini di Tricase si hanno diverse versioni: alcune di esse motivano la sua fondazione, riferiscono sul periodo storico della sua nascita e spiegano il suo toponimo.

Le più ricorrenti sono però quelle di Antonio Micetti di Tricase e del Padre Cappuccino Luigi Tasselli di Casarano.

Si racconta che anticamente (tra il X e l'XI secolo) esistessero tre Casali e, dall'unione di essi, sembra sia sorto il primo nucleo di abitazioni che poi diede il nome a Tricase. Sulla denominazione di questi tre Casali iniziarono le prime divisioni tra gli storici: Luigi Tasselli riteneva si chiamassero Trunco, Monesano e Amito Cuti; Antonio Micetti, invece, li chiamava Menderano, Voluro e San Nicola. Probabilmente l'etimologia è sbagliata e più che tre Casali la parola Tricase deve tradursi originariamente inter casas, che significa un paese formatosi in mezzo a diversi Casali. Inter casas, cioè centro sorto tra altri nuclei abitati, i quali si sarebbero fusi o in seguito ad incremento demografico o, con maggiore probabilità, per motivi di sicurezza, determinando così la nascita di un nuovo centro abitato.

È opinione ormai consolidata che l';unione dei tre Casali fu loro consigliata dal bisogno della forza; perché essendo piccoli, deboli ed inermi, erano spesso attaccati, invasi e derubati dai barbari e dalle genti dei luoghi limitrofi. Tutto ciò accadde, si dice, intorno all';anno 1030. È giusto ricordare che anticamente la denominazione di Tricase è stata anche "Treccase", poi "Trecase"", successivamente "Tricasi" o "Tricasium" e solo infine quella attuale.

Signori e feudatari di Tricase

I primi Signori di Tricase sembra siano stati Demetrio Micetti, Nasone de Galerato, Angelo de Cafalia e Goffredo de Lavena. Seguirono numerosi feudatari: Raimondello Orsini Del Balzo, Baldassarre ed Antonello Della Ratta, Ludovico Benavola, Pirro Castriota, Federico Pappacoda, Scipione Santabarbara e Stefano I Gallone, primo Barone di Tricase. Dal 1558 al 1806, fino alla eversione delle feudalità, Tricase rimase sempre nelle mani dei Principi Gallone, nobile famiglia, probabilmente indigena di Terra d'Otranto, la quale cominciò ad innalzarsi alla fine del XVI secolo. Di questa importante Famiglia ricordiamo che Maria Bianca Gallone, ultima Principessa di Tricase, è morta nel 1982.

 

Approfondimenti

Davide Maria Turoldo

Davide Maria Turoldo (1916-1992), teologo, filosofo, scrittore e poeta, nato a Coderno di Sedegliano (Udine), si recò più volte nel Salento ed a Tricase, una decina di volte fra il 1970 e il 1987. Innamorato del luogo e della gente generosa, ospitale e autentica che vi abita. Testimonianza di questo forte legame sono gli accorati versi che il Padre ha dedicato alla gente di Tricase.

AMICI DI TRICASE...
Gente di Puglie a Tricase, figli
delle molte fedi che in mezzo a oliveti
dalla lieve ombra, scendete a Leuca,
sperone d'approdo della Luce, e lungo
strade che portano ancora nomi
e vestigia della grande Madre, come
per una vostra Mambre piantate la tenda
alla Quercia Vallonea, e attendete
pur voi i divini messaggeri a recare
le promesse di eternità della stirpe:
figli siete del mito e di una terra
di non mai vinte divinità. E da Calino
vi giunga l'eco degli antichi canti
e come per il poeta al di là della siepe
pure per voi "il naufragar" sia dolce...

Padre David Maria Turoldo

"David Maria Turoldo - Un uomo vero, un cristiano autentico" a cura di Francesco Accogli - Edizioni dell'Iride 2002

 
Torna a inizio pagina